Esonero bollo auto: ecco perché potresti non pagare la tassa sulla tua macchina

Non tutti sono a conoscenza delle normative che regolano il pagamento del bollo auto: ecco i casi in cui non si paga questa pesante tassa automobilistica.

Il bollo auto, conosciuto anche come tassa regionale, è un tributo che viene versato a favore della Regione di residenza in base agli autoveicoli e ai motoveicoli posseduti. Il soggetto possedente è indicato dall’iscrizione nel Pubblico Registro Automobilistico, mentre il versamento della tassa in questione è regolato dal “Testo unico delle leggi sulle tasse automobilistiche“ che fa riferimento al D.P.R. 5 febbraio 1953 n. 39.

Il bollo rappresenta una tassa di proprietà e non di circolazione: sono tenuti al pagamento, quindi, tutti i proprietari, indipendentemente dall’effettivo utilizzo del veicolo. Il pagamento del bollo decade in caso di furto, demolizione o trasferimento del veicolo all’estero.

Da cosa dipende il costo del bollo auto? Ci sono diversi fattori che determinano il valore economico di questa tassa, come la potenza del mezzo di trasporto, la sua età, il coefficiente definito dalla Regione di residenza del proprietario, la classe di inquinamento.

Come richiedere l’esonero bollo auto: i requisiti per non pagare più

Ci sono molte novità riguardo alle categorie esonerate dal pagamento del bollo auto: la normativa tributaria si riferisce in particolare alle persone con disabilità e ai loro familiari e prevede alcune agevolazioni fiscali. Sono possibili anche diverse detrazioni fiscali per ogni figlio portatore di handicap fiscalmente a carico ed in particolare:

  • 1.620 euro, se il figlio ha un’età inferiore a tre anni
  • 1.350 euro, per il figlio di età pari o superiore a tre anni
automobile
Foto di Pexels da Pixabay

La possibilità è quella di essere esentati dal pagamento del bollo auto sia nel caso in cui il veicolo sia intestato a persone con disabilità, sia quando l’intestatario sia un familiare del quale egli è fiscalmente a carico.

Se la persona disabile possiede più veicoli, l’esenzione va calcolata solo per uno di essi che deve essere indicato nel momento in cui si presenta la documentazione. L’esenzione è prevista in seguito alla presentazione della richiesta che deve essere effettuata solo una volta all’ufficio competente ed entro 90 giorni dalla scadenza del termine entro cui bisognerebbe effettuare il pagamento. L’esenzione è valida anche per gli anni successivi, senza bisogno di ripresentare la domanda.

Gli uffici competenti che ricevono la domanda devono provvedere a trasmetterla al sistema informativo dell’Anagrafe tributaria per fare in modo che si possa procedere ad un vero e proprio annullamento della tassa sul veicolo menzionato all’interno della richiesta.

pagamento bollo auto