Spegni subito i 3 elettrodomestici non necessari che gonfiano la bolletta

Il rincaro dei prodotti energetici ha determinato un forte innalzamento dei prezzi. Gli italiani fanno fatica a sostenere le spese di gas e luce.

Sono sempre di più le famiglie italiane che hanno fanno fatica a stare dietro alle bollette, i cui prezzi sembrano gonfiarsi sempre di più. Ad aggravare la situazione sono state le decisioni di Putin nei confronti degli stati europei che hanno contribuito all’innalzamento dei costi di energia e gas.

Le condizioni lavorative continuano a scarseggiare in Italia e diventa sempre più difficile per un italiano medio sostenere le varie spese a fine mese. Come ogni problema, seppur non è possibile definirla proprio così, c’è una soluzione. Infatti, ci sono alcuni elettrodomestici che converrebbe utilizzare quanto meno possibile perché inducono a maggiori consumi.

Come ridimensionare i costi in bolletta

I consigli che oltre ad aiutare le nostre tasche, ci permetteranno di aiutare l’ambiente non sono pochi. Secondo l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie ci sarebbero circa 20 consigli da seguire per evitare gli sprechi di energia e risparmiare contro il caro bolletta. Cambiare le lampadine, ridurre l’uso di acqua calda, usare gli impianti di riscaldamento/raffreddamento per poche ore al giorno non sono le uniche direttive da seguire. Sebbene ci siano molti elettrodomestici che bisognerebbe usare con criterio, uno dei passi importanti inizia proprio nel momento in cui li stiamo acquistando. Bisognerebbe preferire elettrodomestici di classe A, ovvero di classe energetica superiore.

Ad esempio, una lavatrice moderna permette fino al 35% di risparmio sul totale della bolletta. Nei mesi invernali capita spesso di mettere sui termosifoni indumenti per renderli più caldi nel momento in cui vengono indossati. Questa pratica è da evitare assolutamente. In questo modo si ostacola la diffusione del calore all’interno delle stanze. Risultato? Di sicuro i tuoi abiti saranno caldi ma l’ambiente circostante no, quindi il tuo termosifone avrà bisogno di altro tempo in funzione per riscaldare l’ambiente.

Ecco gli elettrodomestici da non utilizzare

Gli elettrodomestici hanno un peso del circa 60% sulla bolletta dell’energia elettrica. Conoscere quali sono aiuterà tantissimo nell’evitare sprechi e spiacevoli sorprese nella bolletta. Uno dei primi elettrodomestici da utilizzare con cautela è la friggitrice. Nonostante il suo utilizzo sia come un rito per molti italiani, bisognerebbe limitare l’utilizzo perché il suo impatto sulla bolletta è notevole.

Non mancano all’appello lavatrice e asciugatrice. Come dicevamo prima, non bisogna solo scegliere elettrodomestici di classe superiore, ma anche avere criterio nell’utilizzo. Non bisogna utilizzare la lavastoviglie per lavare solo poche stoviglie, piuttosto caricare prima altri oggetti e procedere con l’utilizzo dell’elettrodomestico. Utilizzare tutti questi piccoli accorgimenti, potrebbe fare la differenza nel conto dell’energia e del gas a fine mese. Bisognerebbe imparare a limitare l’utilizzo di elettrodomestici per occasioni strettamente necessarie.