In Italia riapre l’aeroporto Gino Lisa di Foggia dopo 11 anni: ecco da quando

L'Italia ampia la sua rete aeroportuale. Da fine settembre ritornerà operativo il Gino Lisa di Foggia, 11 anni dopo dall'ultimo volo.

La rete aeroportuale in Italia si ampia. É di alcuni giorni fa la notizia che vede riaprire al Sud una nuova rotta aerea. Parliamo dell’aeroporto Gino Lisa di Foggia, chiuso all’avazione da 11 anni e che da settembre riaprirà le sue porte. La notizia è stata ufficializzata e resa pubblica dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il vicepresidente Raffaele Piemontese e il presidente di Aeroporti di Puglia Antonio Maria Vasile in una conferenza stampa.

L’aeroporto Gino Lisa riapre al pubblico

Dopo 11 anni, l’aeroporto Gino Lisa di Foggia riapre le sue porte al pubblico e tornerà pienamente operativo a partire da fine settembre. A garantire i voli sarà la compagnia aerea greca Lumiwings. Questa decisione è stata presa a seguito del grande flusso di persone che ogni anno fanno visita alla Puglia e in particolare alla zona del Gargano, molto apprezzata dai turisti. Come ha spiegato il presidente Emiliano, la riapertura di questo aeroporto punta alla crescita economica e turistica di questa regione. La decisione è stata presa a seguito dell’incremento dei passeggeri, arrivati ad essere più del 20% rispetto all’epoca pre-Covid.

Durante l’estate i turisti che vengono a trascorrere le vacanza in Puglia, e più precisamente sul Gargano, sono tante. L’auspicio è quello di poter arrivare a 150mila passeggeri all’anno. Inoltre il Gino Lisa abbraccia diverse regioni, che sono difficilmente raggiungibili dalla Puglia, come la Basilicata, il Molise e la Campania.

Il Gino Lisa garantirà quattro rotte

Con la nuova riapertura, il Gino Lisa ha già varato il nuovo piano dei violi: si parla di due voli a settimana per Verona, Catania e Torino e cinque per Milano Malpensa. L’aereo con il quale la compagnia Lumiwings opererà sarà un Boing 737, che contiene al suo interno 139 posti e avrà la sua base operativa a Foggia. Non è escluso un aumento della frequenza dei voli nei mesi successivi, che quindi diventeranno 7 per Milano Malpensa, 4 per Catania, 3 per Torino e Verona.

Oltre ai voli il progetto di ristrutturazione dell’aeroporto sta per partire. Verrà messa a nuovo l’aerostazione e saranno completati i piazzali per i nuovi aerei che sono di grandi dimensioni. Sono già in fase di pianificazione i 26 ettari dell’ex villaggio azzurro. Il tutto per rendere l’aeroporto di Foggia unico in Italia.

La scelta della compagnia Lumiwings

A marzo era stato indetto un avviso pubblico a tutte le compagnie per essere le protagoniste nell’aeroporto di Foggia. Cinque di loro avevano risposto alla chiamata, ma a spuntarla è stata la compagnia greca. Queste le motivazioni: “Avevano tutte programmi diversi tra loro. In alcuni casi destinazioni meno rilevanti e tratte più corte. In altri casi, il costo del biglietto era molto più elevato e anche quello del contributo. E qualche major più blasonata proponeva voli dal 2024, ovvero con il tempo necessario per completare la caserma dei Vigili del Fuoco”.