Bonus 200 euro: come richiederlo in busta paga

La novità in busta paga per questo 2022 è il bonus di 200 euro erogato per lavoratrici e lavoratori indipendenti: per sbloccarlo c’è bisogno, però, di una specifica dichiarazione.

bonus 200 euro in busta paga
Foto di 955169 da Pixabay

Il documento da presentare al proprio datore di lavoro risulta fondamentale per sbloccare l’importo di 200 euro previsto dal bonus e che verrà erogato nella busta paga di luglio, come si legge nel Decreto Aiuti, DL n. 50 del 2022. Non c’è bisogno di una domanda specifica per ottenere il bonus che è stato previsto come una misura di sostegno per gli italiani, ma si deve presentare una preventiva dichiarazione al datore di lavoro.

Il bonus 200 euro è il metodo di supporto economico introdotto dal DL n. 50 del 2022 “che consente di aiutare le famiglie e limita i rischi di ulteriori aumenti di inflazione”, come ha detto il premier Draghi, contento dell’approvazione del provvedimento nel Consiglio dei Ministri. Tempi e modalità di erogazione del bonus cambiano a seconda delle categorie che possono beneficiarne: come visto per i dipendenti la procedura non è del tutto automatica.

Bonus 200 euro: a chi spetta e come richiederlo in busta paga

L’articolo 31 del testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 maggio 2022 indica i passaggi da effettuare per ricevere il bonus: “Tale indennità è riconosciuta in via automatica, previa dichiarazione del lavoratore di non essere titolare delle prestazioni di cui all’articolo 32, commi 1 e 18”. La dichiarazione, o meglio l’autodichiarazione da presentare, deve escludere che i lavoratori e le lavoratrici abbiano già accesso ad altre formule dello stesso beneficio come trattamenti pensionistici, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, trattamenti di accompagnamento alla pensione e reddito di cittadinanza.

dichiarazione bonus 200 euro
Foto di Susan Sewert da Pixabay

In particolare il Decreto Aiuti stabilisce i principali requisiti da rispettare per ottenere il bonus:

-Bisogna  essere stati destinatari dell’esonero sulla quota dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore di 0,8 punti percentuali nei primi quattro mesi del 2022;

-La retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non deve eccedere l’importo mensile di 2.692 euro, maggiorato del rateo di tredicesima per il mese di dicembre. Molto più semplicemente si può dire che non si debba superare il limite dei 35.000 euro percepiti annualmente.

-Non si deve essere titolari dei trattamenti previsti dall’articolo 32 e menzionati precedentemente.

La dichiarazione preventiva è necessaria per accertarsi proprio delle condizioni del lavoratore dipendente e del possesso dei requisiti per poter ottenere il bonus di 200 euro nella busta paga in arrivo a luglio.