Al Bano Carrisi contro il reddito di cittadinanza: “Nessuno vuole lavorare a Cellino San Marco”

Al Bano Carrisi critica il reddito di cittadinanza: a causa del sussidio erogato dal Governo il famoso cantante italiano non riesce a trovare lavoratori per la sua tenuta di Cellino San Marco.

Albano Carrisi

Il nome di Al Bano Carrisi troneggia su bottiglie di olio e vino prodotte nella sua tenuta pugliese di Cellino San Marco, che comprende anche un ristorante e un albergo. Il cantante italiano si lamenta a proposito della mancanza di manodopera, unendosi al coro di protesta degli imprenditori che ha visto protagonisti Alessandro Borghese e Flavio Briatore nelle scorse settimane: la causa sarebbe da associare alla presenza del reddito di cittadinanza, il sostegno statale ai disoccupati previsto dal Governo.

L’opinione pubblica si divide ulteriormente dopo la proposta di imitare il modello di alternanza scuola-lavoro tedesco: in Germania i ragazzi dai dodici anni in su cominciano a svolgere attività di apprendistato dopo la scuola, collaborando con le imprese locali. «Bisognerebbe fare come in Germania, dove già a 12 anni i ragazzi dopo la scuola fanno apprendistato nelle imprese», ha detto Al Bano incontrando il dissenso degli studenti pugliesi che hanno protestato contro questa ipotesi.

Al Bano Carrisi, Alessandro Borghese e Flavio Briatore: “Non c’è voglia di lavorare? Colpa del reddito di cittadinanza”

Le parole di Al Bano arrivano dopo quelle di Alessandro Borghese, che aveva denunciato precedentemente la mancanza di personale nei ristoranti. Per lo chef sono i ragazzi a non voler lavorare perché «preferiscono tenersi stretto il fine settimana per divertirsi con gli amici. E quando decidono di provarci, lo fanno con l’arroganza di chi si sente arrivato».

Flavio Briatore

Anche Flavio Briatore lamenta la mancanza di cuochi e camerieri nei suoi locali: «Molti ragazzi cercano lavoro sperando quasi di non trovarlo. Io lo vedo chiaramente: preferiscono il reddito di cittadinanza a un percorso di carriera. Anche quando il percorso glielo si offre, ben retribuito: pur garantendo stipendi adeguati e contratti a lungo termine, rifiutano», ha detto l’ex marito di Elisabetta Gregoraci che gestisce diversi ristoranti e club sparsi per il mondo.

Proprio come Al Bano, Briatore ha individuato nel reddito di cittadinanza la causa della mancata voglia di lavorare, dicendo: «Ho una ventina di indirizzi tra Italia ed estero: non ho problemi di reclutamento di personale a Dubai, non ho problemi in Arabia Saudita. Ho problemi in Italia, in Inghilterra e un po’ anche in Francia. In Inghilterra più a causa della Brexit, in Italia soprattutto a causa del reddito di cittadinanza, che è diventato la vera ambizione dei giovani. La prima domanda che mi sento rivolgere da molti ragazzi durante i colloqui è se possono avere il weekend libero. Io questi qui non li prendo nemmeno in considerazione, non li voglio più vedere».