Finalmente tornano i Bonus per auto e moto: per gli Italiani cambia tutto

Da lunedì 16 maggio 2022 sono scattati gli incentivi verdi per autovetture e motociclette. Con la firma del DPCM da parte del premier Draghi e la successiva pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nasce l’operazione “Incentivi verdi“. Questa operazione si pone l’obiettivo di agevolare la compravendita di veicoli elettrici e non solo.

Con questa “Operazione” è possibile richiedere un contributo di 3mila euro per l’acquisto di auto elettriche dal costo non superiore di 35mila euro più Iva. Inoltre, è possibile aggiungere altri 2mila euro con la rottamazione di un mezzo inferiore a Euro5.

Bonus auto e moto: come funziona

Aquisto veicoli ibridi plug-in: Per questa tipologia di veicoli (prezzo fino 45mila euro più Iva), gli acquirenti possono avvalersi di un contributo pari a 2mila euro. Con la rottamazione si possono aggiungere altri 2mila euro.

Per auto a motore termico a basse emissioni, ibridi leggeri e full hybrid dal prezzo non superiore ai 35mila euro più Iva, è possibile richiedere un contributo di 2mila euro solo con la rottamazione. Questa categoria è foraggiata con 170 milioni nel 2022, 150 nel 2023 e 120 nel 2024.

Incentivi moto, ciclomotori e motocicli termici: Sono previsti incentivi anche per tutti fan del “Mondo” moto (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7). Per queste categorie, il bonus è del 30% del prezzo fino a 3mila euro, del40% fino a 4000 mila euro se viene rottamata una moto in una classe da Euro 0 a 3. Per i ciclomotori e motocicli termici, nuovi di fabbrica (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7) è invece previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d’acquisto e fino a 2.500 euro con rottamazione.

La pandemia prima e la guerra ora, hanno dilaniato il mercato, ed hanno messo in crisi tutto il settore. In aprile le vendite hanno subito un tracollo del 33% rispetto allo stesso mese del 2021 e del 44,4% rispetto agli standard pre-covid. Anche l’attesa degli stessi incentivi non ha favorito il mercato in questo ultimo periodo. Nonostante un periodo di forte depressione economica per tutto il settore, grazie all’arrivo di questi bonus la rotta sarà inevitabilmente invertita. Infatti, secondo le previsioni del Centro Studi Promotor, l’apporto degli incentivi sarà rilevante  e potrebbe favorire 200mila immatricolazioni in più.

Il ministro allo Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, ha fortemente spinto per la creazione di un fondo automotive da 8,7 miliardi che favorirà la transizione delle imprese verso la mobilità elettrica evitando pesanti strascichi sull’occupazione.

Sarà il 25 di maggio, la data di nascita della piattaforma che permetterà a tutti di poter prenotare le auto.