In auto questa abitudine può essere letale per i tuoi polmoni: prendi coscienza e fai queste manutenzioni

Cattive abitudini in auto possono danneggiare gravemente la nostra salute. Ecco alcuni atteggiamenti che bisogna correggere per evitare gravi ripercussioni.

Una corretta manutenzione dell’aria condizionata all’interno del nostro veicolo è importante, non solo per motivi igienici ma anche per la salute di chi si ritrova all’interno dell’abitacolo. In questo periodo, con il drastico aumento delle temperature, l’utilizzo del climatizzatore in auto è scontato e, l’unico modo per riuscire a sopportare il caldo torrido, soprattutto nel traffico, è ricorrere al condizionatore.

Per avere una maggiore efficienza è importante effettuare la pulizia e l’igienizzazione periodica di tutte le componenti interne. Sottoporre l’impianto di aria condizionata ad eventuali pulizie ed igienizzazioni è fondamentale, perché è proprio nelle bocchette del climatizzatore che spesso si annidano i batteri e impurità che possono essere nocive per la nostra salute.

Un danno per la salute i condizionatori auto

Se si viaggia con filtri sporchi, dall’aria condizionata potrebbero uscire funghi, virus e anche muffa. Respirare quest’aria di sicuro non sarà salutare per tutte le persone che si ritrovano nella vettura.

A rischiare, in particolare, sono i soggetti allergici e bambini. Per non parlare del grave rischio che corrono persone con patologie pregresse. Anche se la manutenzione può avere costi elevati, è interessante sapere che può essere svolta anche da soli, arrivando a risparmiare soldi.

Come si puliscono i filtri dell’aria condizionata?

In commercio esistono molti prodotti che possono aiutare a pulire i filtri del climatizzatore in auto. Uno di questi è una particolare schiuma igienizzante che va spruzzata nei condotti di aspirazione della ventola, dopo aver lasciato il condizionatore per circa dieci minuti alla massima potenza. Si passerà poi a pulire le bocchette dell’aria condizionata. In genere, si può passare semplicemente un panno imbevuto di detergente disinfettante nelle singole fessure e attendere che il prodotto faccia effetto e si assorba prima di avviare il condizionatore.

Per chi è provvisto, può anche utilizzare il compressore per rimuovere lo sporco in eccesso e la polvere, anche se non sempre i risultati sono efficaci al 100%. E’ possibile che la polvere spazzata via con il compressore, si posi all’interno dell’abitacolo contribuendo ad un maggior sviluppo di funghi, batteri e virus. Ma ogni quanto si deve effettuare questa pulizia? In genere l’impianto dovrebbe essere pulito almeno una volta l’anno. Altro consiglio è di effettuare tale pulizia una volta raggiunti i 15.000km fino ad un massimo di 20.000km.